Diritti, quando l'attivista è una donna rom

Succede in Romania, in Spagna, in Italia: le giovani rom si impegnano nella difesa dei diritti umani. Ma l'opinione pubblica non lo sa. A ricordarlo c'è Amnesty International

Il titolo del convegno è esplicito: "Il ruolo delle donne rom nella tutela dei diritti umani e in tempi di crisi economica". Lo ha organizzato a Roma la sezione italiana di Amnesty International, riunendo quattro donne accomunate da forti motivazioni, esperienza, capacità comunicative e competenza: Isabella Miheleche, attivista per i diritti delle donne in Romania, Beatriz Carrillo, presidente dell'associazione Fakali, per i gitani nella regione spagnola dell'Andalusia, Dijana Pavlovic, dell'associazione Rom e Sinti insieme che opera in Italia, e Dzemila Salkanovic, per l'associazione 21 luglio.

 

di Stefano Galieni

 

Continua a leggere su Cronache Laiche

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback