| infiltrato.it

Lavoratori socialmente utili nelle scuole. Uno spreco da 750 milioni di euro

di Viviana Pizzi

Lavorare nella scuola cinquanta anni fa era uno dei mestieri più ambiti al mondo, almeno in Italia dove si poteva garantire alla propria famiglia pane a fine mese. Ora non è proprio così e la denuncia è tutta riportata nel libro bianco dove vengono raccontati dodici anni di calvario che gli Lsu (lavoratori socialmente utili in servizio nelle scuole) hanno dovuto affrontare.

Ma come nascono gli lsu nelle scuole, quelli che si sono ufficialmente sostituiti alla vecchia figura di bidello?

Si tratta di una figura nata sulla scorta dell'idea che alla corresponsione da parte della previdenza sociale di un’ indennità (cassa integrazione e mobilità) per lavoratori espulsi dal mondo del lavoro in seguito a crisi industriali e aziendali, dovesse corrispondere un impegno lavorativo di utilità sociale, di supporto e non sostitutivo, a favore di enti pubblici. Tale concetto si estese anche a soggetti in particolari situazioni di disagio (disoccupati di lunga durata) come giustificazione per l'erogazione di forme di sostegno al reddito.

Con norme di legge (la 468/97 - Revisione della disciplina sui lavori socialmente utili) si introdussero i concetti di “stabilizzazione” allo scopo di “svuotare” il bacino degli L.S.U. che, nel frattempo, si era notevolmente accresciuto; esso comportava l'erogazione di un assegno di utilizzo che col tempo si era esteso sia a causa dell’allargamento a soggetti non già titolari di prestazioni INPS sia perché continuava ad essere erogato (per effetto di continue proroghe) a quei soggetti già beneficiari di cassa integrazione e/o mobilità, anche oltre i periodi massimi previsti dalla legge per tali forme di sostegno al reddito.

Ma cosa è invece accaduto nelle scuole? Dodicimila di essi sono stati utilizzati nelle imprese di pulizia in attesa di stabilizzazione. Una cosa che non è mai arrivata, nonostante l’utilizzo di queste figure risalga ormai agli ultimi anni del secolo scorso e più precisamente al 1996.

 

Continua a leggere su: http://www.infiltrato.it/notizie/italia/lavoratori-socialmente-utili-nelle-scuole-uno-spreco-da-750-milioni-di-euro

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback