| Oltremedianews

Regione Lazio, sanità prossima al collasso. Indagine su una crisi cronica e strutturale del sistema

Il dramma del sistema sanitario regionale. Fra tagli indiscriminati e chiusure prospettate sono più di 3mila i lavoratori a rischio. Così viene distrutto un settore che, oltre a rivestire una certa importanza economica, eroga un servizio inerente ai diritti fondamentali sanciti nella Costituzione: il diritto alla Salute.

Di Federico Lauri

E' ormai emergenza diffusa nella sanità di Roma e del Lazio. Che il settore sanitario nel Lazio non fosse in ottima salute lo si sa da almeno sette anni, quando esplose lo scandalo legato all'elevatissimo deficit regionale che portò al commissariamento governativo. Era il 2005 e per risanare un debito che allora ammontava a circa 10 miliardi di euro la giunta Piero Marrazzo, che aveva in gran parte ereditato il buco dalla precedente amministrazione di centrodestra guidata da Francesco Storace, non potè fare altro che accettare il commissariamento.

Da allora sono state lacrime e sangue per gli abitanti della regione Lazio: nel periodo intercorso tra il 2005 ed il 2011 sono stati effettuati pesanti tagli nel comparto sanitario a scapito naturalmente della qualità e dell'efficienza del servizio stesso, si sono susseguite manovre regionali di risanamento su base annuale o pluriennale che sono state gestite tuttavia per conto del governo centrale e che hanno significato, oltre ai tagli, un forte aumento dell'imposizione fiscale locale.

Continua a leggere su: Oltremedianews

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback