Lo stato di crisi dei trasporti pubblici locali Francesca De Benedetti

Il modello Tav: un treno di debiti

Il filo rosso della Tav non scorre solo sui binari dell’alta velocità. Anche gli enti locali utilizzano l’architettura finanziaria tipica del sistema Tav, basato sugli istituti contrattuali del "general contractor" e del "project financing". Esempi del modello Tav si trovano a Bologna (la sede del Comune e il People Mover), a Roma (la Metro C), a Parma (la sede del Comune). Le caratteristiche comuni sono tre: falsi finanziamenti privati, ingrossamento della spesa negli anni, cifre crescenti di debito fantasma. L’enorme quantità di debito pubblico generata dal sistema Tav e dalle sue repliche è annidata nei bilanci di società di diritto privato o nella spesa corrente delle amministrazioni pubbliche. La conseguenza è un debito pubblico pesante che ricade sulle spalle delle generazioni future. Per la Tav la Corte dei conti ha valutato che i cittadini pagheranno il conto fino al 2060. Ma dal 1991 a oggi le repliche del modello si moltiplicano anche negli enti locali.

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback