Ambiente Maurizio Bolognetti

Con il “Comitato per l’Emergenza democratica” alla ricerca della fogna perduta

Castronuovo Sant’Andrea è un piccolo centro in Provincia di Potenza ubicato nella valle del Sinni. Castronuovo è parte del Parco Nazionale del Pollino e come tanti, troppi comuni lucani in pochi anni ha subito un lento ma inesorabile spopolamento. Oggi a Castronuovo vivono poco più di 1200 abitanti (sulla carta); l’anno scorso, a fronte di un nato si sono registrati 30 decessi. A Castronuovo Sant’Andrea è impossibile connettersi ad internet ad una velocità superiore ai 56 k: la Telecom non vuole saperne di portare l’Adsl(Digital divide). Ci siamo recati a Castronuovo per proseguire la nostra inchiesta sui veleni industriali e politici della Basilicata.

A Castronuovo Sant’Andrea abbiamo incontrato i combattivi soci del “Comitato per l’Emergenza Democratica” e abbiamo parlato con Pino Di Sario, con Alessandro Di Sario, con Paolo Pesce e con Andrea Porfidio, un enclave di “rivoltosi”, che vengono percepiti anche da alcuni cittadini come dei rompiscatole. Con gli esponenti del Comitato abbiamo parlato di fogne e di depuratori, ma anche di dissesto idrogeologico.

GUARDA IL VIDEO REALIZZATO DA MAURIZIO BOLOGNETTI

Prima di parlare della fogna di Castronuovo Sant’Andrea, gioverà sottolineare che nel dossier Mare Monstrum 2009 si può leggere di una Basilicata al quartultimo posto nella classifica delle regioni italiane per capacità di servizi di depurazione e fognatura. Solo il 74% del territorio regionale è coperto da una rete di depurazione e una parte di quel 74% vive sicuramente situazioni problematiche. Nel maggio del 2009 due distinte operazioni del Corpo forestale dello stato portano alla amara scoperta di un inquinamento in atto della diga di Montecotugno(Senise) e di alcuni corsi d’acqua. Il 29 gennaio 2010, sempre sulla Gazzetta del Mezzogiorno, si parla di un “Depuratore a mezzo servizio”. Comune denominatore di queste vicende, una volta di più, l’assenza di seri controlli sull’inquinamento. Fatta questa indispensabile premessa torniamo a Castronuovo Sant’Andrea e ai “rivoltosi” del “Comitato per l’emergenza democratica”. Il 19 giugno 2009, il Comitato indirizza un esposto al Noe, all’Arpab, alla Asl, all’Ente Parco Nazionale del Pollino e al Comune di Sant’Andrea, per denunciare la presenza di scarichi fognari a cielo aperto. Nell’esposto tra l’altro scrivono: “Quel che più stupisce, inoltre, è che a detta dei cittadini questa situazione si trascina da tempo senza che, per quanto è dato sapere, le competenti autorità(ad esempio, l’Agenzia Regionale per l’Ambiente) siano intervenute per porvi rimedio.” Disdetta, ancora una volta dei cittadini lucani si lamentano dell’Arpab; speriamo che il dr. Sigillito non se ne abbia a male. Dieci giorni dopo, la Asl n° 3 di Lagonegro risponde alla sollecitazione del Comitato, inviando una lettera alla Procura della Repubblica di Potenza nella quale si conferma in pieno quanto contenuto nel sopra citato esposto. Scrive l’Asl: “Pertanto si invita l’Arpab di Potenza ad effettuare un campionamento urgente dei suddetti scarichi e a trasmettere l’esito a questo ufficio. Si invita comunque l’Ente gestore della rete ad assicurare con urgenza il convogliamento degli scarichi e il rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 152/2006 – parte III. Tanto a tutela della pubblica salute e dell’igiene sanitaria.

A questo punto immagino vi starete chiedendo cosa sia successo ad un anno di distanza. Che domanda! Assolutamente niente: la fogna di Castronuovo Sant’Andrea, come altre reti fognarie, continua a scaricare a cielo aperto. Di tutto questo abbiamo parlato in una video-inchiesta e in un’intervista con Pino, Alessandro, Paolo, Andrea e il Presidente della Proloco di Castronuovo, tutta gente che non ci sta a far finta di niente e a piegare la testa. Dei rivoltosi! Ne abbiamo parlato anche con alcuni cittadini ed ho ancora nelle orecchie il laconico commento di un simpatico vecchietto: “Qua non funziona niente”. Una rassegnazione un po’ atavica, un po’ indotta. Ovviamente, noi ci auguriamo che le cose possano funzionare e che emerga un po’ di verità, magari anche grazie all’operato di uomini di buona volontà come gli amici della bellissima Castronuovo.

 

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback