Una cannetta in Canadà Virginia Fiume

La vittoria dei pazienti attivisti

Jason Willkox vive a Vancouver, Canada, ed è promotore e coordinatore della campagna federale Coalizione per la Medical mariuana access regulation ovvero la vecchia normativa canadese sulla cannbis terapeutica. Con questo stesso nome si chiama il comitato che ha portato avanti al lotta per tenere in piedi la vecchia normativa e per rendere il diritto all'auto-coltivazione un diritto costituzionale.
Il movimento ha raggiunto un numero vertiginoso di adesioni, arrivando a contare quasi 6mila membri. Non potendo intavolare una class action, con la guida dell'avvocato John Conroy, è stato presentato un ricorso contro la nuova legge davanti a un giudice federale. Non potendo fare ricorso alla class action, su suggerimento dell'avvocato John Conroy, si sta cercando di ottenere uncambiamento della costituzione canadese, che permetta la libertà totale di scelta delle cure mediche. Il 21 marzo la Corte Federale ha preso la prima decisione: un'ingiunzione restrittiva alla nuova legge. In pratica l'1 aprile la regolamentazione MMPR entrerà effettivamente in vigore, ma chi ha partecipato al ricorso avrà ancora il diritto di coltivare, fino alle prossime decisioni della Corte. Nel frattempo il Ministero della Salute può decidere se intervenire sulla norma, ripristinando il diritto alla coltivazione personale o attendere la sentenza definitiva del giudice. Jason Wilcox è convinto che la coalizione vincerà la sua battaglia e che il Canada diventerà, o tornerà a essere, un paese simbolo del diritto alla coltivazione della marijuana per uso personale
 
 

 
Dopo 13 anni di libertà di coltivazione e possesso in Canada entra in vigore lanuova regolamentazione sulla cannabis terapeutica. I pazienti che fanno uso di cannabis terapeutica e le loro reti di supporto non riceveranno più licenze di coltivazione e solo coltivatori autorizzati dallo Stato potranno distribuire la marijuana, per corrispondenza. Il 21 marzo grazie ad un'iniziativa legale guidata dall'avvocato John Conroy e frutto della campagna di una coalizione di 6mila pazienti attivisti, la Corte Federale canadese ha emanato un'ingiunzione restrittiva sulla nuova normativa, di cui si sta valutando la costituzionalità.
Oltre all'aumento dei prezzi quali altre conseguenze ha la nuova legge? Ecco le interviste a coltivatori, distributori, pazienti e antiproibizionisti nella provincia canadese della British Columbia.
 

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback