Accoglienza Daniela Sala

Il sistema di accoglienza raccontato dai lavoratori

A.L.A. è l'Assemblea dei lavoratori dell'accoglienza nata a Roma nel dicembre 2014 e ad oggi riunisce circa 50 persone che lavorano nei centri di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo nella capitale.

“Dopo gli attacchi al centro di Tor Sapienza – racconta uno dei membri – abbiamo riflettuto tra colleghi che tutti stavano esprimendo il loro punto di vista sulla questione, ma mancava il nostro, quello degli degli operatori sociali”.

 

 

In comunicato diffuso a giugno per la convocazione di un'assemblea pubblica in viale Manzoni, Ala si definisce “un'assemblea auto-organizzata e auto-determinata di lavoratori e lavoratrici dell'accoglienza per denunciare i pagamenti non ricevuti da mesi, lo sfruttamento quotidiano del lavoro, il mobbing e le minacce ai colleghi per aver partecipato all'assemblea”. Obiettivi: oltre a denunciare le condizioni di lavoro all'interno dei centri, rivendicare il riconoscimento della figura professionale del lavoratore dell'accoglienza e avviare un confronto con le istituzioni.

I membri di A.L.A. ci tengono però anche a precisare che il mancato riconoscimento dei diritti di lavoratori influiscono negativamente sulle condizioni dei migranti ospitati: “il nostro e il loro sfruttamento, (cioè quello dei migranti, ndr) – si legge sempre nel comunicato – sono frutto dello stesso sistema”.

Tra le altre cose, le due lavoratrici denunciano poi il fatto che dopo l'inchiesta Mafia capitale nulla sia cambiato, visto che i centri continuano ad essere sovraffollati e il personale insufficiente.

 

 

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback