Sesso 2.0 Redazione FaiNotizia.it

Consultori: essenziali, ma in via di estinzione

(a cura di Diana OREFICE e Daniela SALA)

A Roma, con una popolazione di oltre 2 milioni e mezzo di abitanti, dovrebbero esserci più di cento consultori familiari pubblici. Almeno secondo la legge 34 del 1996, che nelle città prevede un consultorio ogni 20 mila abitanti. Nella Capitale, invece, ce ne sono solo 47, e ne chiudono sempre di più, per mancanza di sostituzione del personale.

Eppure, secondo gli operatori e i medici che ci lavorano, si tratta di un servizio essenziale, che negli anni ha dato e continua a dare grandi risultati, come la diminuzione degli aborti. Dal 1975, anno dell'istituzione dei consultori, il ricorso alle interruzioni volontarie di gravidanza è calato del 70%. Oggi, in mancanza di programmi per l'educazione sessuale nelle scuole, i consultori per adolescenti offrono un posto sicuro per avere supporto psicologico e informazioni sulla sessualità e sulla contraccezione.

Abbiamo visitato il consultorio per adolescenti di via Angelo Emo, dove operano le ginecologhe Anna Pompili e Daniela Santini, la psicologa Cristina Bascetta, l'assistente sociale Pina Adorno, presidente della Consulta dei consultori di Roma e Massimo Farinella, operatore del Circolo Mario Mieli. “Rispetto al passato – spiega Pina Adorno – c'è una maggiore aggressività formale da parte delle ragazze, una sessualità più libera, ma anche una maggiore esposizione ai rischi”. Dello stesso avviso la psicoterapeuta Maria De Vinci, che con la pediatra Anna Maria Damiano lavora al consultorio di via San Giovanni in Laterano: “I ragazzi prendono informazioni da internet e dai media, credono che gli basti”.

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback