(Ir)regolari Daniela Sala

Immigrazione: è necessario gestire il fenomeno anzichè subirlo

Occorre seguire l’esempio di altri paesi europei e “gestire il fenomeno migratorio, piuttosto che subirlo”. Questa l’opinione di Giuseppe Guerini, deputato del Partito democratico e primo firmatario di una proposta di legge delega per la riforma della legislazione in materia di immigrazione.

“La legge attuale  - afferma Guerini - non consente l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro. Bisognerebbe coinvolgere le parti (sindacati, organizzazioni ed enti locali) e servirebbe poi una programmazione dei flussi almeno triennale”.

La pdl Guerini prende infatti le mosse dalla considerazione che “nel nostro Paese – come si legge nella relazione introduttiva – vivono attualmente circa 4,4 milioni di cittadini stranieri, corrispondenti al 7,4 per cento della popolazione complessiva” che “producono l’11,2 per cento del prodotto intero lordo”, un dato ritenuto sufficiente “per comprendere al di là di ogni ragionevole dubbio come in Italia la realtà dell’immigrazione abbia ormai abbandonato il proprio carattere emergenziale, configurandosi in via definitiva come fenomeno strutturale e ordinario”. Il provvedimento si propone di adeguare la normativa in materia di immigrazione “alle mutate esigenze sociali, politiche ed economiche, delegando il Governo all’adozione di un decreto legislativo che modifichi il testo unico (sull'immigrazione, Ndr)”.

“Se vogliamo assecondare la ripresa bisogna orientare i flussi e gestire il fenomeno”, afferma il deputato Pd e occorre a suo avviso “ridisegnare tutto l’assetto della normativa”.

Tra le altre cose la proposta prevede “l’introduzione (per certi versi, la reintroduzione) di un permesso di soggiorno per ricerca di lavoro dietro prestazione di un’adeguata garanzia da parte di terzi”, la chiusura dei centri di identificazione ed espulsione e l’incentivazione dei rimpatri assistiti.

A conferma però dello scarso interesse del Governo in materia, l'esame della proposta, depositata a dicembre 2014 e assegnata alla commissione Affari costituzionali alla Camera, non è ancora iniziato. “Chiaramente  - conclude Guerini - è un quadro, un momento problematico perché c’è molta confusione. Va tenuto presente però che migranti economici e richiedenti asilo sono due temi distinti”

Fai Notizia è il format di inchieste distribuite di Radio Radicale

Team: Simone Sapienza, Daniela Sala,
Lorenzo Ascione
 
Sito web: Mihai Romanciuc
 
Vuoi collaborare? Scrivi a internet@radioradicale.it

feedback